Cerca
  • Marina

Panbrioche e pane senza impasto

Aggiornato il: mar 26

Buongiorno!

Devo ammettere che questo periodo sta portando grandi frutti e grandi progressi nella mia cucina. Come già vi accennavo, ho fatto cose che non avrei mai pensato di riuscire a fare. Mi sono completamente data ai lievitati: ho fatto la focaccia, la pizza e il pane! E mi sono venuti anche discretamente bene.. incredibile!



Ad un certo punto mi sono imbattuta in una ricetta per il pane davvero facilissima, senza impasto (si chiama "no-knead bread"): significa che tutti gli ingredienti vengono mescolati insieme e si lasciano lievitare senza toccare l'impasto per 24h. Bisogna usare pochissimo lievito, visto che il tempo è dalla nostra parte e ci pensa lui a far lievitare l'impasto. Ho trovato questa fantastica ricetta sul blog di Artisan Bread in 5 Minutes a Day: ti bastano 5 minuti per creare l'impasto e poi devi solo lasciarlo lievitare; il giorno seguente prelevi una parte di impasto, formi la pagnotta e la metti in forno. E così via per i giorni seguenti, fino a esaurire l'impasto. Facilissimo no?!

Vi lascio gli ingredienti per il pane e poi vi illustro la ricetta protagonista di questo blog.

[I dettagli riguardo al pane ve li lascio nelle note, in fondo al post]


Questa dose è per tre persone e ci dura per 3/4 giorni:

  • 340g acqua a 30°

  • 460g farina 0

  • 2g lievito di birra secco (1 cucchiaino e mezzo circa)

  • 10g sale fino


Ora veniamo a noi. Con un impasto molto simile a questo e un procedimento pressapoco identico possiamo fare uno squisito PANBRIOCHE con confettura di frutti di bosco!



Allora il discorso è pressapoco identico a quello del pane: in 5 minuti creiamo l'impasto, lo lasciamo lievitare per tutta la notte in frigo, poi formiamo la nostra brioche e mettiamo in forno.

Pochi passaggi per avere una colazione soffice e golosa, degna di quella che fareste nel vostro bar di fiducia!



Andiamo a vedere la ricetta per questa bontà.


Ingredienti

Per uno stampo da plumcake 25x12cm


  • 100g acqua

  • 125g farina 0

  • 170g farina manitoba

  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito di birra secco (circa 2g)

  • 1 cucchiaino di sale fino

  • 2 uova

  • 85g burro

  • 35g miele

  • un vasetto di confettura (300g circa)

  • un goccio di latte per spennellare prima della cottura


Iniziamo mescolando in una ciotola grande il burro fuso (fatto intiepidire), il miele e le uova. Poi in un'altra ciotola versiamo l'acqua e ci sciogliamo dentro il lievito di birra, mescoliamo con una frusta per qualche secondo e poi versiamo nella ciotola con il composto di uova. Mescoliamo bene con la frusta.

Ora aggiungiamo le farine e il sale, e mescoliamo tutto con un cucchiaio di legno, o una spatola rigida, finché la farina non si sarà assorbita (non ci sarà più farina sui lati). Non otterremo una palla liscia, ma un composto un po' grezzo e umido: va benissimo così!

Ora lasciamo lievitare 2 ore a temperatura ambiente (o meglio nel forno con la luce accesa, siamo sui 24° circa) e poi mettiamo in frigo tutta la notte. Il tempo di lievitazione in frigo può variare da un minimo di 10 ore, fino a un massimo di 20.



Tiriamo fuori dal frigo, con abbondante farina spolveriamo il piano di lavoro. Ci infariniamo bene le mani e preleviamo il nostro impasto, gli diamo una forma leggermente sferica e lo mettiamo sul piano di lavoro (l'impasto sarà molto appiccicoso, se necessario infarinatevi più volte le mani). Con un matterello lo stendiamo per bene fino ad ottenere una sfoglia di circa 1/2 cm. Copriamo con la marmellata lasciando liberi i bordi.

Otteniamo così un salsicciotto, lo tagliano per la lunghezza e intrecciamo tra di loro i due rotolini ottenuti. Imburriamo e infariniamo una stampo da plumcake e ci adagiamo il panbrioche.

Facciamo lievitare ancora 1 ora e mezza a temperatura ambiente (o in forno con luce accesa), poi spennelliamo la superficie con un po' di latte e cuociamo in forno statico a 180° per circa 40 minuti. Fate la prova stecchino una volta cotto.

Lasciate raffreddare completamente prima di toglierlo dallo stampo, sennò rischia di rompersi!


Note


  1. Il panbrioche si conserva a temperatura ambiente per 3/4 giorni sotto una campana di vetro o in un contenitore ermetico.

  2. Con questa dose di impasto viene fuori un panbrioche medio-grande. Se volete potete dimezzare le dosi e usare uno stampo più piccolo, per esempio 22x10cm.

  3. Riguardo al pane: gli ingredienti sono scritti sopra. In una ciotola molto grande versiamo l'acqua e sciogliamo il lievito mescolando con una frusta. Aggiungiamo la farina e il sale e mescoliamo con un cucchiaio di legno finché la farina non si è assorbita tutta. Lasciamo lievitare a temperatura ambiente per 2 ore e poi in frigo per 24h. Tiriamo fuori dal frigo, infariniamo leggermente l'impasto (che nel frattempo sarà raddoppiato) e le nostre mani: con una mano prendiamo un pezzo di impasto e con l'altra lo stacchiamo, lo mettiamo su una spianatoia ben infarinata e diamo una forma sferica (guardate questo video per capire bene come fare). Lasciamo lievitare coperto con un panno per 1 ora. Con il coltello seghettato che usiamo per tagliare il pane, facciamo un'incisione sul pane abbastanza profonda, così che il pane possa espandersi in cottura. Poi cuociamo in forno statico a 240° per 40 minuti (per i primi 30 minuti mettete in fondo al forno uno stampo con un po' di acqua così da creare un ambiente umido durante la cottura; toglietelo gli ultimi 10 minuti). Lasciate raffreddare su di una gratella e tagliatelo solo quando si sarà raffreddato! L'impasto rimanente servirà per le pagnotte dei prossimi giorni, quindi coprite con pellicola trasparente e rimettete in frigo. Il giorno dopo procedete come scritto sopra. Un impasto con le dosi che vi ho lasciato io basta per circa 3/4 pagnotte. Se avete bisogno di più pane raddoppiate le dosi: comunque questo impasto dura in frigo fino a 5 giorni.



Spero che avrete voglia di provare queste due ricette e di essere stata abbastanza chiara nel descrivervele!

State a casa e cucinate.


Un forte abbraccio,

Marina.

427 visualizzazioni

© 2019 by Un'altra Grande Idea. Proudly created with Wix.com